fuga

La direzione che il singolo “Ombra” ha tracciato è stata presa, ascoltando il nuovo e primo disco dei Sinezamia si nota decisamente il cambio positivo verso suoni più ruvidi e originali, le atmosfere cedono piacevolmente il fianco al gothic rock di qualità  in italiano che in questi ultimi anni tanto mancava alla scena stessa. 
Ci sono tanti motivi per apprezzare “la Fuga” e la “Musica” dei Sinezamia: testi originali, composizioni di buon livello, l‘uso della lingua italiana che permette di sentire e dare uno schiaffo alla forzata esterofilia dilagante. 
Principalmente, che nonostante la “competenza” delle etichette discografiche con un “nome”, i Sinezamia riescano a non arrendersi e mettere tanta energia nelle difficoltà  dell‘autoproduzione, che a mio parere, sta diventando una piaga artistica sempre più rilevante nel nostro paese per la visibilità  culturale di alcuni generi. 
Il disco è composto di otto brani di cui è molto difficile data la qualità  degli stessi citarne i più rilevanti, personalmente vedo in Venezia la novità  vera nella loro produzione mentre i punti più alti si toccano oltre al singolo in La Fuga, Frammenti e Nebbia di Guerra. 
La solita speranza è che l‘Italia rigetti le varie X e si svegli dando valore/visibilità  alla musica di giovani artisti come questi nel frattempo noi non possiamo che consigliarVi e ascoltare con piacere La Fuga. 


Tracklist


01 Ghiaccio Nero
02 La Fuga
03 Nella Distanza
04 Occhio Elettrico
05 Ombra
06 Venezia
07 Frammenti
08 Nebbia di Guerra.

Sito

www.myspace.com/sinezamiamantova