Borderlike-e.p.-front

Un abisso, un incubo industrial da quattro pezzi e poco più di un quarto d'ora. 
Ecco cos'è Inbetweenneess, Ep appena uscito che porta la firma del progetto Borderlike, alias Daniele Vergni, un metà  abruzzese e metà  toscano che gira per le strade di Roma portando con sé una valigia piena di poesie e idee oscure. 
La marzialità  tribale delle percussioni fa da tratto comune delle quattro tracce: un incedere lento, compassato, faticoso che regala all'ascoltatore una dose notevole di acido disagio. Esattamente quello che si richiede a un disco industrial. La voce di Vergni è profonda, un po' recitata e un po' cantata (notevoli, in questo senso, le aperture melodiche di En-Counter, che puಠricordare il Nick Cave più apocalittico degli anni migliori). Da sottolineare, l'opening track Radical Shock le coordinate dell'assalto, quasi una marcia funebre suonata per un androide e le sonorità  lancinanti della seguente Dirty Room & White Stories.
Un buon lavoro insomma, le premesse sono ottime, adesso non rimane che aspettare un lavoro più lungo.

Tracklist:

01 - Radical Shock
02 - Dirty Room & White Stories
03 - En-Counter
04 - Conspiracy With Me

Sito Ufficiale:

http://soundcloud.com/borderlike