PuNk: L'origine di tutto, il genere ruvido, distorto, sporco, scanzonato e ubriaco che spazzò via i tecnicismi assurdi della musica progressiva anni '70 e la banalità  luccicante della Disco Music, riportando nelle strade e nei garage la musica, che diventò finalmente "popolare". Addirittura esistevano riviste con in copertina tre accordi di chitarra per poter mettere su una band! Molto si è stato detto, ed è impossibile descrivere cosa fosse la forza, l'acerbità  del suono e la rabbia non solo delle band ma di tutti quegli anni; lascio dunque una brevissima lista dei gruppi fondatori, con tutte le loro sfaccettature, differenze e contraddizioni (tralasciando i progenitori del punk come MC5, Iggy Pop, 4Skin ed altri): Dead Boys (di Steve Bators), The Nuns, Damned (indimenticabili Capitain Sensible e Dave Vanian, dal look pre gothic),  Sex Pistols, Clash, Crass (capeggiati da Steve Ignorant), Richard Hell and the Voivods (il cui look e la sua "blank generation" affascinò talmente Malcom MacLaren che volle importarla in Inghilterra per creare un nuovo stile di vita, il punk appunto), Ramones, Adolescents (con Rikk Agnew alla chitarra), Dead Kennedies (qui siamo già  inoltrati negli anni '80 e ci stiamo avvicinando a quello che sarà noto come Hardcore, o punk HC), Sham 69, Buzzcocks, i Jam, Penetration, X-Ray Spex, The Addicts, Stiff Little Fingers, Slaughter and the Dog, Discharge, Warsaw, Crisis, (questi ultimi due sono nettamente a cavallo tra punk e post punk essendo rispetivamente precursori dei Joy Division e dei Death In June), Johnny Thunders And The Heartbreakers, Flux of Pink Indians, Pop Group, gli X (primo gruppo di Billy Idol), The Slits, The Adverts, Nina Hagen (anche se più vicina al pop), The Dictators ma anche la seconda ondata del punk con Subhumans, GBH, Rudimentari Peni, in Italia rappresentati - anche se spesso non molto convincenti - da Mittageisen (da non confondere con un omonimo gruppo electro wave svizzero, molto migliore, comunque), Banhof, Tampax, Hitler SS, o Nerorgasmo (risultati molto migliori sono nel campo hardcore: I Refuse It!, Nabat, Negazione, Cheeta Chrome Motherfucker)

Le etichette essenziali potrebbero essere la Epitaph, Touch & go, Dischord, SST o Alternative tentacles.

http://www.punk77.co.uk

http://www.mital-u.ch/PunkWave/index.html

http://www.collectorscum.com/

 

New Wave :  Punk is dead si diceva, e questo è quello che ne uscì fuori, meno ruvido e violento, ha smussato i toni concitati, grezzi, ingenui con nuove idee supportate da una tecnica decisamente meno amatoriale. Diciamo l'energia del punk senza la sua aggressività , in uno stile più diretto e vendibile.
La new wave racchiude tutto e nulla, è un'esplosion
e di idee, esperimenti e suoni che sono andati in tutte le direzioni, dalla più raffinata e decadente alla più ostica e rivoluzionaria, fino alla più accessibile e allegra (come il pop reggae dei Police, o il revival ska di The Specials e Madness).
Si posso annoverare tra i gruppi fondamentali: Public Image Limited (P.I.L., fondato da Johnny "Rotten" Lyndon, i cui esordi erano una pietra miliare nel cupo suono dissonante e tagliente, per finire ai vertici delle classifiche  con brani come "This is not a love song"), David Bowie & Brian Eno (intramontabile duo) ma anche Iggy Pop (ascoltate Cry For Love come esempio), The Fall (che si sbizzarrivano in un art rock variopinto),
Sad Lovers and Giants & The Sound (entrambi ricordati per le vette di romaticismo raggiunte), Utravox, Bow Wow Wow, Magazine (uno dei primissimi gruppi nato dopo lo scioglimento dei Buzzcocks, poi i membri andranno con Siouxsie And The Banshees e con i Visage), Danse Society & Ian Dury (autore di alcuni brani Proto Wave), Tubeway Army (primo gruppo di Gary Numan), XTC (i cui primi album "razionalizzavano" il punk), The Names (sempre della scuderia Factory Records) Echo and the Bunnymen, Gang of Four (altamente politicizzati),i francesi Jad Wio, Wallenstein e Little nemo, gli italiani La claque di dafne negli anni '90, assieme ai Mind Drop, nei '00 invece abbiamo sulla stessa scia gli Other Voices, Avant-Garde che si rifanno più o meno direttamente ai Diaframma (tra i  primi a raccogliere le idee d'oltremanica e adattarle al suolo italico) e  Litfiba (dei veri pionieri sia per sonorità che per gusto, fino a diventare quello che sono oggi, con sconfinata tristezza e rimpianto per ciò che furono), Psychedelic Furs (per il periodo maturo del gruppo), Adam and the Ants (con un look assurdo misto tra uno sgargiante e grottesco stile militare napoleonico e face painting pellirossa!


Anche se l'inizio molto punk fu sicuramente uno degli ispiratori del look Gothic), Garbo e il primissimo Ivan Cattaneo, o i Decibel di Enrico Ruggeri, la francesina Lio, Paulina Murray, Style Council, Lene Lovich, Modern English (raffinatissimi inglesi della 4AD, così come i compagni di scuderia The The, anticipatori per molti versi.
Primi lavori erano comunque molto aggressivi), B52's (che avevano forti richiami agli anni '50 e alla colorata cultura pop stile Hannan & Barbera), Teardrop Explodes, Section 25, Blondie, The The (gruppo, o meglio quasi una man band, multiforme), oppure l'ondata Canadese con The Kings, Martha & The Muffins, Strange Advance, Blanket of Secrecy, Nash the Slash, Magic de spell, Men Without Hats, Rough Trade, Peter, o i francesi Indochine,  Plastic Bertrand e i Telex.
La fine della new wave è "stabilita" circa nell'1984, con l'uscita dell'esordio di The Smiths (gruppo comunque eccezionale) e con la definitiva consacrazione di gruppi come R.E.M. al pop  alternativo, un suono prettamente chitarristico (e non più basato sui synth come in precedenza) che puntava alle radio collegiali e ai fan del rock alternativo (cosa che influenzerà poi la scena britannica anni '90, come Blur o Oasis), soprattutto americano (che, da notare, non aveva praticamente nessun gruppo wave, a favore del rock). Inoltre la messa in onda su MTV di video dei veterani e vecchie stars che iniziavano ad avere piena dimistichezza con la produzione di vidoclip, permise di non mandare in onda 24 ore al giorno di new wave, contribuendo al declino.
Alcune case discografiche interessanti sono: Chrisalys, Virgin, Polydor, Ralph, Strange fruit, Contempo, Zick Zack, Les Disque du Crepuscle, Nettwerk, Antler.

http://new-wave.start4all.com/

http://www.geocities.com/~luvamour/wave1.html

http://www.mital-u.ch/PunkWave/index.html

http://users.skynet.be/phicarly/

http://www.nwoutpost.com/index.htm

http://www.lexiconmagazine.com/NWC/complex/bands.html

http://www.french-new-wave.com/